Passa ai contenuti principali

Post

PRIMO PIANO

Tempo di TOPINAMBUR

Avrete visto senz’altro, nella tarda estate, le rive dei nostri corsi d’acqua riempirsi di vistose margheritone gialle, in cima a steli alti e rigogliosi.  A fine fioritura, ad autunno inoltrato, se avete per caso una zappetta a portata di mano, scendete lungo le rive del vostro corso d’acqua e scavate alla base, estraendone la radice tuberosa: ecco a voi il topinambur, il tartufo dei poveri. MA ECCO UN PO' DI INFO SPIGOLATE IN RETE!!!

Topinambur è la trascrizione di una parola brasiliana, ma è un nome che ci porta molto fuori strada: i nomi più corretti sarebbero altri, quali ad esempio Girasole tuberoso, traduzione più coerente del suo nome latino Helianthus tuberosus (ed Helianthus annuus è infatti il suo cugino primo, il girasole).
La forma del topinambur è irregolare e variegata, simile a quella della radice dello zenzero.
Il nome deriva da una omonima tribù indigena del Brasile, anche se la sua origine è da ricercare nelle praterie occidentali dell’America del Nord e del C…

Ultimi post

CACIO e PEPE SCOMPOSTA!

CANNOLI con CREMA AL CIOCCOLATO

PASTA SFOGLIA a cucchiaio!

RICORDI DI COPENHAGEN: Smørrebrød!

Pane ai peperoni!

BRIOCHE CON CREMA DI CASTAGNE

CASTAGNE! Perchè no, in brioche!!!

RISOTTO TALEGGIO e PERE

SFOGLIA alla mia maniera