TEMPO DELLE MELE!

La mela avvelenata di Biancaneve, 
la mela perfetta di Magritte,
la mela bacata di Caravaggio,
la mela che privò Adamo ed Eva del Paradiso,
la mela che scatenò terribili guerre ...
LA MELA
in tutte le sue varietà e declinazioni torna ad arricchire la nostra tavola e la nostra cucina!
Alain Passard ha inventato una torta sublime 
"Buoquet de roses"
le mele Suzette o quelle della nonna che profumano di miele e cannella, sottile fil rouge di ricordi infantili ...
Una mela al giorno ... o anche qualcuna in più dissetano, se mangiate con la buccia (e mi perdonino coloro che la denigrano per via dei pesticidi)offrono un'ottima ginnastica al nostro intestino.
E allora via a sperimentare anche qualcosa di dolce e raffinato per estetica e profumo!


 Una brioche dolce!
Almeno per una volta ... 
la cucina si riempie  di profumo di cannella e limone!


La lavorazione richiede un po' di manualità, un po' di pazienza e ... tempo a disposizione perchè la realizzazione è un pochino laboriosa ... ma il risultato ricompensa dei tempi d'attesa e di quelli di lavorazione!

INGREDIENTI PER 2 STAMPI DI SILICONE DA PUMCAKE:

PRIMA FASE: 1 uovo e 3 tuorli
50 g di latte + 60 g di acqua calda (il risultato deve essere tiepido per favorire la lievitazione)
30 g di lievito madre o secco
370 g di farina manitoba
60 g di zucchero
60 g di burro a T°A.
8 g di sale

Sbatto l'uovo con i tuorli, mescolo acqua e latte con un cucchiaio di zucchero e vi sciolgo il lievito in modo che parta la lievitazione.
Raccolgo nell'impastatrice la farina, lo zucchero, il lievito sciolto, le uova sbattute il burro e il sale. lavoro per 5 ' in modo da ottenere un impasto compatto che si stacchi dalle pareti della planetaria.
Trasferisco su una spianatoia e lo allungo a mo di salametto ripiegandolo per tre o quattro volte.
Lo pongo in una ciotola infarinata e lo copro a campana. Lascio lievitare per due ore, l'impasto dovrà raddoppiare di volume.
Fodero gli stampi da plum cake con carta forno imburrata.

Sbuccio una mela e la taglio a pezzettini , vi spremo sopra il succo di metà limone.

Stendo la pasta brioche  in un rettangolo 50x30 e la rifilo, spennello con 40 g di burro fuso e vi spargo sopra 100 g di zucchero semolato + 1 cucchiaio di cannella in polvere e quindi le mele tagliate a tocchetti.
Taglio il rettangolo in modo da ottenere sei strisce uguali che sovrappongo le une sulle altre. L'ultima striscia va a coprire le sottostanti rovesciandosi.
Ottengo una sorta di "lasagna" che taglio a tranci verticali , 6 o piu', uguali fra loro.
Sistemo i rettangolini nello stampo, uno accostato all'altro lasciando del respiro fra loro perchè possano lievitare. Recupero pezzettini di mela e zucchero cadute nel sovrapporre e tagliare gli strati.
Copro a campana e lascio lievitare per altre due ore.


Scaldo il forno e pongo gli stampi ... si, perchè nella lievitazione iniziale il volume è aumentato ed ho dovuto suddividere l'impasto in due stampi e usare qualche pirottino in silicone!!!
Inforno a 180°C. per circa 40'.


Sforno e lascio raffreddare ... se ci riesco perchè manine golose sono pronte ad inseguire il profumino che la cannella lascia fluire fino in fondo alle scale!
Il dolce è pronto per essere gustato, non occorre affettare, basta suddividere gli strati con le mani.

Bon Appetit!

Commenti

Post più popolari