lunedì 12 novembre 2012

Rosti o ... di patate grattugiate



L'occasione fa la "voglia" in cucina! 
Ed e' cosi' che un semplice stampino, cosi' carino da non poter essere lasciato sul banco del mio negozio di casalinghi preferito :-) mi fa venir voglia di provare una ricettina che covavo da tempo nel mio quadernino di curiosita' culinarie: IL  R O S T I
                             Le opinioni sono diverse riguardo a come cucinarne uno perfetto.
In particolare, le principali divergenze si hanno riguardo all'utilizzo di patate crude o lessate "al dente" come ingrediente principale; solitamente, i contadini del canton Berna lo mangiavano per colazione; ora è diffuso in tutto il paese d'origine, la Svizzera, al punto da essere considerato uno dei piatti nazionali.
Come mi raccontano i nostri amici "svizzeri" si usano le patate lesse se il rösti è servito come contorno, quelle crude se è il piatto principale.
Anche il tipo di patata da utilizzare è un argomento molto discusso. In generale bisogna utilizzare patate che non si disfino lessandole.
Il rösti si prepara con patate grattugiate e mescolate con burro o olio, o in alternativa grattugiate e poi fritte leggermente in olio. Con le patate grattugiate si formano dei tondi dal diametro di 5-20 cm e alti 1-2 cm. Io ho preferito "incignare" i miei stampini freschi freschi d'acquisto ma spesso la forma del rösti è data semplicemente da quella dalla padella usata per friggere.
Anche se la ricetta base prevede solo patate, spesso vengono aggiunte cipolle, pancetta, formaggio, erbe aromatiche o anche mele. A volte è servito come contorno, ad esempio per accompagnare lo sminuzzato di vitello cotto in padella con panna, piatto tipico del Canton Zurigo e per questo definito "alla zurighese".
Ecco invece la mia ricettina adattata con gli ingredienti del mio frigo e la mia formina.



ROSTI con ricotta e carciofo
INGREDIENTI PER 4 PAX
300 g di patate
100 g ricotta fresca alla panna
¾ carciofotti sott’olio
Sale pepe noce moscata
CHE FARE:
lesso le patate con la buccia ben lavata, in acqua leggermente salata per 15’ e lascio intiepidire nell’acqua di cottura.
Pelo e grattugio le patate con la grattugia a fori larghi, condisco con sale e pepe.
Mentre bollono le patate preparo i caarciofotti sott’olio ben tritati e li amalgamo con la ricotta fresca alla panna, mescolo accuratamente e condisco con sale, pepe ed un’abbondante grattugiata di noce moscata.
Amalgamo le patate e la crema di ricotta.
Preparo sulla leccarda da forno la carta forno leggermente imburrata, appoggio uno stampo rettangolare o quadrato nel quale pressare il composto di patate (1/4 dell’impasto per forma) e presso bene.




Inforno i ROSTI a 200°C per circa 20’.
Servo i rosti come contorno o come antipasto se abbinato nell’impasto amalgamo salumi, formaggi piu’ stagionati  e verdure piu’ corpose verza, zucca cavoletti, porri.




Bon Appetit!

Nessun commento:

Posta un commento

Sarei molto felice di leggere cosa ne pensate, i vostri commenti e impressioni,suggerimenti e idee.
Grazie!