domenica 28 ottobre 2012

Rubitt di zucca 2: SFOGLIATELLE


Che dire di questa prima giornata di "ora solare"???? Alle 17,00 e' gia' buio, la pioggia incessante al di la' dei vetri non aiuta certo a migliorare questo sentore di novembre, prossimo ad arrivare. Un bel vento frizzante e tumultuoso ci aveva fatto ben sperare per la giornata, di riempirci gli occhi con un pochino di luce e d'azzurro ma ... gia' a mezzogiorno avevamo perso ogni speranza  sig ... sig ...
Allora via di forno con un aperitivino nuovo nuovo e alla crema di zucca, in versione salèe, per una coccola autunnale.
Di qualsiasi tipo sia, la zucca, piu' o meno dolce, piu' o meno asciutta, con il suo colore solare ci riporta il sole sulla tavola . Proviamola con questo guscio sottile di sfoglia.
E' la prima volta che provo a fare le SFOGLIATELLE: credevo chissa' in quale difficolta' mi avrebbero gettato e invece ... con qualche accorgimento diventano davvero un divertissement domenicale!

Per 4 persone, trattandosi di un aperitivo possono bastare le seguenti quantita'

INGREDIENTI

1 confezione di pasta sfoglia pronta, gia' stesa
50 g di burro a T°A
qualche cucchiaio di CREMA DI ZUCCA salata (vi diro' piu' tardi)

Che fare:
tolgo dal frigo il burro con un po' di anticipo in modo che sia molto morbido
Srotolo la pasta sfoglia e la spennello con il burro.
Ripiego la sfoglia a meta' e spennello ancora con il burro quindi arrotolo dal lato lungo la sfoglia e la ripongo in frigo per una mezz'ora. Se per caso ho molta fretta faccio fare al rotolo un passaggio in freezer per 10'.
Cio' consente al burro di risolidificarsi.
Trascorso questo tempo , tolgo il rotolo di sfoglia dal frigo e lo affetto in trancetti da un cm circa.
Ottengo una ventina di rocchetti. Ne prendo uno per volta e con il pollice spingo verso il basso il centro del rotolo che si apre a ventaglio. Al centro pongo un pizzico di crema di zucca o di altro ripieno a piacere (da provare la "carciofa" ripieno di ricotta, sale, pepe e noce moscata con carciofo affettato sottile).
Chiudo il ventaglio schiacciando ben bene i suoi bordi uno sull'altro.
Ripeto per tutti i rocchetti e appoggio i ventaglietti scostati uno dall'altro, allineati su carta forno.
Inforno, appoggiando il tutto su una leccarda anche gia' calda, forno a 200°C per 20' circa.

Qualsiasi sia il suo ripieno, diventa un "rubitt" sfizioso ... un bocconcino caldo e friabile che ci introduce alla tavola robusta di ottobre.
Oppure, prevista una quantita' piu' abbondante o sovrapponendo due sfoglie, il contenitore diventa veramente un recipiente gustoso per pesci e carni rosse e bianche, verdure saltate: un piatto in miniatura, facile e gustoso.
Provare per credere la semplicita' della preparazione e la soddisfazione del gustoso guscio friabile che ci sorprendera' con il suo ripieno.



Bon Appetit!

Nessun commento:

Posta un commento

Sarei molto felice di leggere cosa ne pensate, i vostri commenti e impressioni,suggerimenti e idee.
Grazie!