giovedì 7 gennaio 2010

la cena delle Befane e dei Cammelli


Bello, anche se dopo tante feste, ritrovarsi davanti ad un piatto ed un buon bicchiere per farsi due risate e un brindisi all'anno nuovo.L'occasione e' nata da una magnifica confezione di salmone affumicato ricevuta in regalo per natale da Sergio e Luciana: troppo buona!!!!Ma anche tanto grande...cosi' abbiamo organizzato una bella cenetta coi i "soliti" che si fidano degli esperimenti della sottoscritta;-))Dopo tanto tempo ripropongo "TAGLIOLINI ALLO ZAR" come piatto forte, le mie solite schifezzine e...da da dan! idea di Enzo "pepite di pandoro" cioe' bocconcini di pandoro pucciati nel cioccolato fondente temperato.
Si, la foto e' penosa:la macchina ci e' caduta in Francia e...comincia a darci qualche problema,oppure erano gia' i fumi dell'alcool?????! A parte la foto che non rende giustizia, il piatto era very very good.
Per 6 persone: 500 gr di tagliolini freschi (se poi li fai in casa...meglio!)
                       200 gr di salmone affumicato (io ho usato i ritagli delle altre preparazioni)
                         50 gr di burro di latteria
sale, pepe, noce moscata e , solo a chi piace, un cucchiaino di uova di lompo.Uso quelle rosse perche' quelle scure diffondono il colore e...esteticamente non mi piace, anche se il gusto e' invariato anzi...
Mentre metto a bollire l'acqua per cuocere i tagliolini, faccio saltare il salmone nel burro. Uso una padella bassa e larga che possa poi servire a saltarci i tagliolini.Unisco la panna fresca non montata e faccio mantecare il salmone aggiungendo un pizzico di fior di sale, una macinata di pepe nero ed una grattatina di noce moscata. Quando mancano 3/4 minuti alla cottura dei tagliolini, li sgocciolo e li verso nella padella con il salmone e la panna facendoli rigirare ben bene in modo che si impregnino di sugo. Servo nei piatti individuali aggiungendo i pezzettini di salmone in cima ai tagliolini impiattati e, a piacere, ognuno aggiunge le uova di lompo. Bon appetit!
Le pepite di pandoro altro non sono che dei bocconcini di pandoro (alcuni pressati ed altri a triangolino)"pucciati" nella cioccolatiera dove ho fatto fondere 100 gr di cioccolato fondente a pezzettini, dopo averlo temperato. Ho rigirato i bocconcini di pandoro. Li ho stesi su carta da forno e passati in frigo fino al momento di servirli :un paio d'ore!Lo "chef" mi ha detto che forse il pandoro sarebbe stato meglio "bagnarlo" con un po' di liquore...Ci provero' la prossima volta!

Nessun commento:

Posta un commento

Sarei molto felice di leggere cosa ne pensate, i vostri commenti e impressioni,suggerimenti e idee.
Grazie!